Normative

Il Decreto Rilancio 2020 prevede importanti agevolazioni per la sostituzione degli impianti di riscaldamento. In particolare, un Superbonus del 110% permette di richiedere uno sconto in fattura o uno sconto del credito.

In questo articolo si vedrà come applicare il bonus per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento con una caldaia a condensazione di classe A. Un dispositivo altamente tecnologico che come vedremo, permette di migliorare l’efficienza energetica e di ridurre l’emissione di sostanze nocive.

Le importanti novità introdotte nel Decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 19 maggio 2020, rappresentano un aiuto concreto alle famiglie e alle imprese. Il Decreto consiste in una manovra da 55 miliardi che contrasta da più lati le perdite economiche dovute dal Coronavirus.

Il Decreto entrerà effettivamente in vigore il 18 luglio 2020, una volta trascorsi 60 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. Tuttavia, i lavori possono iniziare da subito, l’unica accortezza è quella di sostenere le spese a partire dal 1° luglio così come specificato nel Decreto.

Il Decreto Rilancio pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 19 maggio 2020, introduce molte misure per fronteggiare la crisi economica in atto causata dal Coronavirus. In merito alle agevolazioni relative agli impianti di riscaldamento e raffrescamento, la misura a cui far riferimento è quella legata all’Ecobonus 110.

Gli Ecobonus previsti nel Decreto, permettono di beneficiare di una detrazione del 110% per gli interventi nell’ambito della riqualificazione energetica delle private abitazioni e degli edifici. Non rientrano nelle detrazioni le case di lusso, ville e castelli e in generale tutti i beni immobili classificati nelle categorie A/1, A/8, e A9.

Venerdì, 05 Giugno 2020 09:48

Ecobonus per l'efficienza energetica

Quando si parla di Ecobonus si intendono una serie di agevolazioni volte a finanziare alcuni interventi nel settore dell’edilizia. Include agevolazioni finalizzate al miglioramento dell’efficienza energetica, alla ristrutturazione degli edifici o alla messa in sicurezza degli stessi.

La parte più innovativa, che guarda alla tutela ambientale è l’ecobonus per l’efficienza energetica. Include interventi quali: la sostituzione di vecchie caldaie e impianti di climatizzazione invernale con sistemi ibridi e moderni, l’installazione di pannelli fotovoltaici per l’autoproduzione energetica e interventi destinati all’isolamento termico esterno dell’edificio.

Come previsto dalla Circolare 5443 del 22 febbraio 2020, la riapertura di un luogo di lavoro o di uno spazio comune può avvenire solo previo trattamento di sanificazione. In particolare gli ambienti chiusi che non prevedono un ricircolo dell’aria naturale, necessitano di un apposito intervento. L’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità nel rapporto n° 5/2020 decreta l’importanza di sanificare gli impianti di aereazione e i condizionatori.

La sanificazione dell’aria tramite ozono rappresenta uno dei sistemi migliori in quanto unisce l’efficacia all’assenza di tossicità.

Mercoledì, 16 Dicembre 2015 08:16

Guida per la manutenzione degli impianti termici

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha appena pubblicato una importante guida per la corretta gestione degli impianti per il riscaldamento e il raffrescamento: "La climatizzazione degli ambienti".

Tale guida, realizzata da ENEA nell’ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo Economico, chiarisce gli adempimenti previsti dalla legge nazionale per la manutenzione e il controllo di efficienza degli impianti termici e le loro tempistiche.

A partire dal 1° gennaio 2017 anche in Italia tutti gli impianti di riscaldamento di tipo centralizzato dovranno dotarsi di sistemi di contabilizzazione, di termoregolazione del calore e adottare il criterio della ripartizione dei costi.

I proprietari hanno dunque circa un anno per adeguarsi alle disposizioni di legge che prevedono la registrazione dei consumi delle singole unità immobiliari.

Mercoledì, 02 Dicembre 2015 08:38

Il nuovo libretto di impianto

Dal il 15 ottobre 2014 è entrata in vigore la norma della Regione Veneto che prevede un nuovo libretto per tutti gli impianti presenti negli ambienti, quindi anche i condizionatori, le stufe e i caminetti.

Dopo la solita proroga che non é servita a nulla (i dubbi e le perplessità tra gli operatori sono esattamente le stesse di giugno, mese previsto per l’entrata in vigore) diventa obbligatorio per TUTTI possedere il cosiddetto “libretto di impianto“, che sostituirà il vecchio “libretto di caldaia”.

Giovedì, 19 Novembre 2015 09:17

Detrazioni per acquisto camini e stufe nel 2016

Quale detrazione si può richiedere? 50% o 65%? Ecco cosa prevede la Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità ha confermato anche per il 2016 la detrazione del 50% su ristrutturazione edilizia e del 65% su riqualificazione energetica. Tutto invariato quindi anche per il prossimo anno? Vediamo cosa prevede la legge e le novità.

Stando alla bozza della Legge di Stabilità sono prorogati di un anno sia la detrazione del 50% valida anche per l’installazione degli impianti per l’autoproduzione energetica (fotovoltaico, sistemi d’accumulo, stufe, caminetti) sia la detrazione fiscale del 65% per interventi di riqualificazione energetica degli immobili. In alcuni casi caminetti e stufe possono rientrare in questa seconda categoria.

La sostituzione della caldaia rientra già da tempo fra gli interventi che possono beneficiare delle detrazioni fiscali per la casa. Ci riferiamo in particolare alla detrazione sulle ristrutturazioni edilizie (50%) e alla detrazione sul risparmio energetico (65%).

Purtroppo la normativa sulle detrazioni non permette di godere contemporaneamente di entrambi i benefici, ma impone di sceglierne uno solo.

Quale fra i due scegliere allora?Considerando esclusivamente le percentuali di detrazione, si è facilmente indotti a preferire la detrazione 65%, che permette di recuperare il 15% in più della spesa sostenuta.

In realtà ci sono molti aspetti da valutare nella scelta, sia di carattere tecnico che burocratico.

Pagina 1 di 2
Richiedi un preventivo gratuito!
  1. Compila il form sottostante con i tuoi dati per ricevere la nostra migliore offerta!
    Oppure contattaci adesso al numero verde 800 944 522
  2. Preventivo richiesto*
    Input non valido
  3. Nome*
    Please type your full name.
  4. E-mail*
    Invalid email address.
  5. Provincia*
    Input non valido
  6. Tipologia Utente*
    Input non valido
  7. Cognome*
    Input non valido
  8. Telefono*
    Input non valido
  9. Comune*
    Input non valido
  10. Input non valido
  11. {dichiaro-di-aver-preso-visione-e-di-dare-il-consenso-al-trattamento-dei-dati-personali-1}